martedì 12 gennaio 2010

La donazione degli organi e la morte

La donazione degli organi può salvare vite umane. Ma ci si interroga sempre sulla vita di chi andrà a perire. Il "Celebralmente morto" identificato dalla medicina, significa morto a tutti gli effetti? Il prelievo degli organi, perchè risultino vitali, deve avvenire "a cuore battente", ma prelevando l'organo è comprensibile che la morte del donatore sarà garantita, eseguita. Dallo stato di "Celebralmente morto" il paziente avrebbe potuto riprendersi? E se nel frattempo gli avessimo espiantato un organo, "avrebbe potuto riprendersi"? Logicamente no, in quest'ultimo caso!

Leggo di un libro legato a questo scottante problema e ne ripropongo la descrizione:

Dopo il caso di Eluana Englaro un libro di grande attualità.
Una lettura per riflettere sul più delicato e fragile dei momenti, quello durante il quale ognuno di noi ha il diritto di essere accompagnato con dignità e amore.

In questo libro racconto le mie esperienze personali dopo il prelievo degli organi di mio figlio, morto a quindici anni. Totalmente disinformata sulle conseguenze, profondamente sotto shock, condizionata dalle pressioni dei medici e assolutamente incapace di comprendere la portata di qualsiasi decisione, ho dato il consenso per l’espianto. L’autrice

Il confine tra la vita e la morte si fa ancora più sottile quando a parlare è una madre orfana del proprio figlio. Nel 1985 Renate Greinert ha perso Christian a causa di un incidente stradale. Attraverso il consenso alla donazione degli organi, Christian – dichiarato in stato di morte cerebrale – è stato di aiuto a diversi bambini in tutta Europa. Ma dopo vent’anni di studi e ricerche, sua madre non ha ancora smesso di interrogarsi sulla propria scelta.

Un racconto doloroso e a tratti scioccante che invita a considerazioni talvolta scomode e controcorrente.

Come deve essere considerato un donatore di organi subito prima del prelievo? Un cadavere, come sostiene la trapiantologia, oppure un morente e quindi, come tale, una persona ancora in vita?

Quali interessi si nascondono dietro l’equivoca medicina dei trapianti? Cos’è la morte se non un processo naturale che necessita di un proprio tempo per svolgersi?

Affidandoci ciecamente alla scienza o alla religione corriamo il rischio di perdere il senso della nostra volontà individuale. Talvolta l’esperienza di altre persone può essere d’aiuto per formarci un’opinione o mettere in discussione quelle che già abbiamo.

Nessun commento:

Posta un commento

Nell’inferno delle fabbriche cinesi

DOCUMENTARIO DELLA TV SVIZZERA - Apple con quasi tutti i suoi prodotti ma anche Amazon, Dell, HP, Microsoft, Motorola, Nintendo, Nokia, Sony...