martedì 13 gennaio 2015

Il volto della Resurrezione e l'icona di Andrej Rublev

La sacra Sindone è un argomento che appassiona, incuriosisce e incute anche un certo timore reverenziale in chi la osserva. La domanda che ricorre frequente guardando quell’Immagine impressa nel telo di lino, che ci fa vedere un Uomo Flagellato, Crocifisso e con una Corona di spine attorno alla testa, è sempre la stessa: "Ma è veramente il Corpo di Gesù Cristo?"   L’uomo di scienza è tutt’ora alla ricerca di risposte sempre più precise, quello di fede non ha dubbi in proposito, lo scettico vuole vederci chiaro. Con la Fede non disgiunta dalla Scienza, si può rispondere al quesito una volta per tutte.

Per l’appassionato studioso e ricercatore Maurizio De Cicco, la risposta è positiva. "Sì!", la Sacra Sindone è autentica e l’Immagine impressa è quella del Corpo Martirizzato e Flagellato del Redentore. Nella sua pubblicazione lo dimostra con la prova dell’identità di due Volti sovrapposti e perfettamente combacianti: Il Volto della Resurrezione e l’Icòna di Andrej Rublev.

Per ulteriori informazioni potete visitare il sito ufficiale dello studio alla seguente pagina. Potete anche collegarvi alla relativa pagina di Amazon.it sulla quale è disponibile il libro legato a questa preziosissima ricerca.

sabato 18 ottobre 2014

Nel Fiore della Vita Albert Einstein. La sua lettera per la figlia Lieserl.



Nel Fiore della Vita
Albert Einstein. La sua lettera per la figlia Lieserl.

Quando proposi la teoria della relatività, pochissimi mi capirono,
e anche quello che rivelerò a te ora,
perché tu lo trasmetta all'umanità,
si scontrerà con l’incomprensione e i pregiudizi del mondo.
Comunque ti chiedo che tu lo custodisca per
tutto il tempo necessario, anni, decenni,
fino a quando la società sarà progredita abbastanza
per accettare quel che ti spiego qui di seguito.
Vi è una forza estremamente potente per la quale
la Scienza finora non ha trovato una spiegazione formale.
È una forza che comprende e gestisce tutte le altre,
ed è anche dietro qualsiasi fenomeno
che opera nell'universo e che non è stato ancora individuato da noi.
Questa forza universale è l’Amore.
Quando gli scienziati erano alla ricerca di una teoria unificata dell'universo, dimenticarono la più invisibile
e potente delle forze.
L’amore è Luce, visto che illumina chi lo dà e chi lo riceve.
L’amore è Gravità, perché fa in modo
che alcune persone si sentano attratte da altre.
L’amore è Potenza, perché moltiplica
il meglio che è in noi, e permette che l’umanità
non si estingua nel suo cieco egoismo.
L’amore svela e rivela. Per amore si vive e si muore.
Questa forza spiega il tutto e
dà un senso maiuscolo alla vita.
Questa è la variabile che abbiamo ignorato per troppo tempo,
forse perché l’amore ci fa paura,
visto che è l'unica energia dell’universo che l’uomo
non ha imparato a manovrare a suo piacimento.
Per dare visibilità all’amore, ho fatto una semplice
sostituzione nella mia più celebre equazione.
Se invece di E = mc2 accettiamo che l’energia per guarire il mondo
può essere ottenuta attraverso
l’amore moltiplicato per la velocità della luce al quadrato,
giungeremo alla conclusione che l’amore è
la forza più potente che esista, perché non ha limiti.
Dopo il fallimento dell’umanità nell’uso e il controllo
delle altre forze dell’universo,
che si sono rivolte contro di noi, è arrivato il momento
di nutrirci di un altro tipo di energia.
Se vogliamo che la nostra specie sopravviva,
se vogliamo trovare un significato alla vita,
se vogliamo salvare il mondo e ogni essere senziente che lo abita,
l’amore è l’unica e l’ultima risposta.
Forse non siamo ancora pronti per fabbricare una bomba d’amore,
un artefatto abbastanza potente da distruggere tutto l’odio,
l’egoismo e l’avidità che affliggono il pianeta.
Tuttavia, ogni individuo porta in sé un piccolo ma potente generatore d’amore la cui energia aspetta solo di essere rilasciata.
Quando impareremo a dare e ricevere questa energia universale, Lieserl cara,
vedremo come l’amore vince tutto,
trascende tutto e può tutto, perché l'amore è la quintessenza della vita.
Sono profondamente dispiaciuto di non averti potuto esprimere
ciò che contiene il mio cuore,
che per tutta la mia vita ha battuto silenziosamente per te.
Forse è troppo tardi per chiedere scusa, ma siccome il tempo è relativo,
ho bisogno di dirti che ti amo e che grazie a te sono arrivato all'ultima risposta.

Tuo padre Albert Einstein

domenica 27 luglio 2014

Test a doppio cieco per omeopatia

Spesso vengono richiesti dei test definiti a "doppio cieco"che consistono in un modo per definire un esperimento scientifico dove viene impedito ad alcune delle persone coinvolte di conoscere informazioni che potrebbero portare a pregiudizi consci o inconsci, così da invalidarne i risultati. Il doppio cieco (triplo, eccetera) si può prospettare quando vi siano coinvolti, oltre agli sperimentatori, altri soggetti coscienti, tipicamente esseri umani. L'omeopatia non lavora sul piano fisico visto che non è presente principio attivo. Nè lavora sul piano strettamente fisico neppure l'agopuntura considerata anch'essa da valutazioni scientifiche in modo spesso superficiale e lacunoso. Ecco un link che riporta a 23 articoli dal 1981-1990 relativi a considerare http://drnancymalik.wordpress.com/2014/06/16/homeopathic-research-1981-1990/

Il blog del Dr. Nancy Malik


Crediti del blog.

Le critiche all'omeopatia sono sterili quando si limitano a valutare l'assenza di principio attivo senza indagare il profondo processo della dinamizzazione tramite succussione e dunque il cambio di natura del principio attivo sui granuli in materia nè biologica, nè chimica. In questo senso dovrà muoversi la scienza e la ricerca. Rivalutando l'esistenza di piani più sottili: un tempo denominato etere e sostenuto da tantissimi scienziati di fama mondiale tra i quali Nikola Tesla, Lackowsky George, Feinberg, Nieper, Reich, Marett, Todeschini, ecc. L'esperimento di Michelson Morley potrebbe essere da riconsiderare perchè lavorando sul piano fisico con fasci di luce, non è in grado di rilevare l'etere, i suoi atomi, la sua materia, e quindi non dimostra la non esistenza dell'etere. Molto promettenti a tal proposito sono gli studi del professor Craig Hogan e del suo olometro che ha l'obiettivo di investigare gli strati più fini della materia con un approccio estremamente umile da parte del direttore: quanto poco conosciamo la materia per la maggior parte oggi definita dagli stessi fisici e astronomi, "Oscura".

Altra documentazione interessante.

venerdì 25 luglio 2014

In Africa ragazze inventano il generatore ad urina

#AFRICA - Forse uno dei prodotti più inaspettati al "Maker Faire Africa" quest'anno è un generatore alimentato ad urina, progettato da quattro ragazze: Duro-Aina Adebola (14), Akindele Abiola (14), Faleke Oluwatoyin (14) e Eniola Bello. Non credo che sarà il combustibile del domani... però bellissimi sono i colori di un'Africa che a ragione vuole emergere. Poi qui si parla di loro: http://goo.gl/bQUsxc La notizia è molto bizzarra, ma se ne parla in tanti siti di generatori del genere: http://goo.gl/IBziRl Anche su Focus: http://goo.gl/vHYMS4

mercoledì 2 luglio 2014

Introduzione all'omeopatia

OMEOPATIA SU ANIMALI PER MALATTIE CRONICHE

Anche per gli animali, e non solo per cani e gatti, si possono tentare terapie omeopatiche per risolvere parecchi problemi. Silia Marucelli, veterinario omeopata in Roma.

Omeopatia per gli animali per malattie croniche

Sempre più persone scelgono di curarsi con l'omeopatia e la scelgono anche per i propri animali da compagnia. Quali sono le patologie degli animali curabili con l'omeopatia? Ce lo spiega Silia Marucelli, medico veterinario omeopata

Template by - Abdul Munir | Daya Earth Blogger Template | Elaborato da Paolo Guagliumi